ORDINANZA DI NON POTABILITÀ' DELL'ACQUA IN LOCALITÀ' VICONAGO
25/01/2019
Vista la nota del 22/01/2019 prot.337 del laboratorio di analisi biologiche incaricato della verifica periodica della qualità dell’acqua immessa nell’acquedotto comunale, il quale segnala difformità (art.3 DPR n.236/1988) nel campione prelevato il giorno 21/01/2019 dai bacini che servono la località di Viconago, e più precisamente per la presenza di n.4 Batteri Coliformi e di n.2 Escherichia coli;
Ritenuto:
  • Di dover procedere ad un temporaneo aumento della parte di cloro nel bacino, che verrà portato a 0,2 mg/l fino al cessare della contaminazione;
  • Di porre in essere le misure più opportune per evitare danni alla salute degli utenti dell’acquedotto comunale;
Visti i D.lgs. n.267/2000 e la circolare n.15/SAN/2004 e s.m.i.;
ORDINA
Per i motivi in premessa:
LA BOLLITURA DELL’ACQUA A FINI ALIMENTARI EROGATA DALL’ACQUEDOTTO CHE SERVE LA LOCALITA’ DI VICONAGO
Il presente divieto è valido fino a revoca della presente e comunque dell’avvenuto ripristino delle condizioni di conformità dell’acqua erogata, ai parametri di legge.
Sarà data adeguata pubblicità mediante pubblicazione all’Albo Pretorio nelle forme e nei termini di legge e mediante comunicazione all’ATS competente;
Contro la presente ordinanza è ammesso, nel termine di 60 giorni dalla pubblicazione all’Albo Pretorio, ricorso al T.A.R. di Milano, oppure, in via alternativa, ricorso straordinario al Presidente della Repubblica da proporre entro 120 giorni dalla suddetta pubblicazione.